E insistiamo su una modalità di approccio alla “cultura” in chiave ‘sistemica’. Intesa, come un insieme unitario di parti interagenti. Tale approccio vale, s’intende, per ogni strutturazione tipologica e/o storica di ‘cultura’.

Cosa intendiamo, con l’espressione “Cultura Materiale” in riferimento al vasto campo della cultura e delle espressioni umane, intesa ovviamente in senso antropologico ?: 

Cultura tradizionale, cultura popolare o delle classi subalterne.

Questa articolazione antropologica e sistemica, corrisponde in ogni caso, e quasi coincide, con la vita del gruppo umano che la esprime, e del quale organizza tutti gli aspetti di vita e comportamento. In tal senso non esiste una netta separazione tra dimensioni che analiticamente possiamo individuare come differenziate, ma tuttavia sappiamo strettamente intrecciate, più ancora che complementari.

Molti affermano, che le strategie adattative si basano su tre elementi portanti: la tecnologia, l’organizzazione sociale, le credenze religiose e i valori, tutti frutti della nostra intelligenza, a sua volta dovuta alla crescita e alla riorganizzazione del nostro cervello, risultati di un lungo processo biologico di evoluzione.

Qui analizzeremo,per il nostro territorio, una dimensione sociale (o comportamentale-relazionale), una dimensione materiale (tecnologico-funzionale), una dimensione “simbolica” o “ideologica” .




GRAVINAMATERIALE


IL SAPERE DELLE COSE

Dobbiamo sempre confrontarci con le cose. Quotidianamente ed in ogni momento. Le cose sono davanti a noi, intorno a noi, ciascuna con il proprio messaggio e la propria storia. E noi dobbiamo ricostruire questa storia decodificando i messaggi che quasi sempre si offrono frammentari, appena visibili, irriconoscibili e a volte muti perché non siamo stati abituati ad ascoltarne la voce. Ricomporre lo scomposto mosaico delle informazioni, raccoglierne e riordinarne i tasselli per ricostruire su logiche e coerenti deduzioni il processo di identificazione e di conoscenza, è l'operazione che ci permette l'accostamento sicuro e concreto alle cose e la conoscenza di quel processo storico che le ha ideate e giustificate. La ricerca, ovviamente, non potrà limitarsi all'analisi materiale delle cose, partendo dai dati materiali, si dovrà risalire a conclusioni di carattere sempre meno materiali, secondo una serie di procedimenti deduttivi che avranno come obiettivo finale l'unico vero oggetto della ricerca, ovvero colui che le ha ideate, costruite, utilizzate: l'uomo. È indispensabile, quindi, che ogni cosa venga vista come un vero e proprio fossile comportamentale di questo nostro unico interesse e letta come traguardo di una sequenza ordinata di azioni che lo riguardano. Così, partendo dalle cose ci accorgiamo che sul territorio esistono tracce di tutta una serie di trame intessute dall'uomo per soddisfare le sue esigenze di vita materiale e spirituale. Raffrontandole, poi, con altre cose destinate allo stesso uso, in un’analisi comparata geografica e storica sino ai nostri giorni, possiamo verificarne una ipotetica identità, o, viceversa, una differenza che testimonierebbe una modifica sostanziale delle tecnologie, delle abitudini e delle situazioni. E se allarghiamo la ricerca anche alle cose di uso quotidiano utilizzate all’interno di case povere o sui posti di lavoro, possiamo ricostruire anche la vita relazionale di quei ceti sociali che dalla storia ufficiale sono stati considerati protagonisti soltanto di una quotidianità vissuta tra la fatica, il cibo, la procreazione, il sonno, la malattia e la morte. Uomini che non sono stati protagonisti di grandi eventi, che non hanno pronunziato frasi ad effetto, ma che sottintendono una storia di stenti, di atti ripetuti, di gioie elementari ed intime, di lavoro che non risulta né esaltante né romantico, ma quasi sempre faticoso. Spesso, infine, le cose sono testimoni del processo di prevaricazione e di divisione tra chi aveva la possibilità e il diritto di esercitare il potere e chi aveva il dovere di eseguire. Tutti contributi per la comprensione della vera storia che non è soltanto nomenclatura e superficiale descrizione di avvenimenti, bensì analisi dei problemi che coinvolgono la dinamica comportamentale dei singoli, delle classi sociali, delle comunità, degli stati, della popolazione del globo (GS)



Notizie dal Centro
 
Eco Museo della Civiltà ContadinaOfficine della Storia
Documenti

IntraMoenia

ExtraMoenia

Questo Sito è Mappa di Comunità



Il nostro lavoro al momento è incompleto e lacunoso,chiediamo pazienza e collaborazione