Maniero per uccellaggione, fu commissionato all'architetto Fuccio da Federico II, colpito dalla ricchezza faunistica e dalla amenità del territorio. Misteriosa la presenza, sotto il piano di calpestio, di un enorme vano privo di ingresso con volta a botte e con graffiti sulle pareti.