Per cinque decenni abbiamo raccolto immagini,non per dare un valore, per tesaurilizzarle, ma per dare una testimonianza sociale e civile del nostro vivere,una immagine, una storia.


"La fotografia, scrive Eco, nei possibili sistemi segnici, mantiene nonostante tutto una capacità indicale. Un indice è un segno che non è nè arbitrario, nè pienamente convenzionale e mantiene con l'oggetto a cui si riferisce un rapporto dichiarato di causa ed effetto. È una traccia, in assenza dell'oggetto ci dice che lì dove ora c'è il segno era esistito un oggetto come sorgente di “raggi luminosi” per dirla alla Eco."

E siamo concordi con "Rochelle Kolodny (che) ha individuato tre modalità di strutturazione dell’immagine in relazione alla realtà: il romanticismo, che trasfigura la realtà nel mito; il realismo, che comunica fatti; la modalità documentaria che descrive la realtà applicandovi un punto di vista. Le tre modalità sono intrecciate e possono cambiare nel corso del tempo – una fotografia romantica può diventare un documento nei decenni successivi."